Extreme Networks acquista Enterasys Networks | BitMat

Extreme Networks acquista Enterasys Networks | BitMat.

Accordo da 180 milioni pagato in contanti. Si prevede che l’operazione porterà ad un incremento del fatturato
,

 

 

Extreme Networks ha raggiunto l’accordo di acquisizione di tutte le azioni di Enterasys con una transazione in contanti di 180 milioni di dollari (75 milioni pagati con la copertura del debito mentre la cifra residua verrà coperta dalle disponibilità di cassa).  L’operazione, che si concluderà nel quarto trimestre del 2013, è stata già approvata dai consigli di amministrazione di entrambe le aziende, che continueranno ad operare in modo indipendente fino alla chiusura della transazione.

 

La combinazione tra Extreme Networks ed Enterasys è significativa, perché mette insieme due vendor caratterizzati da punti di forza indirizzati alle aree più critiche del networking: unificazione di reti cablate e wireless nella periferia, core aziendale, data center e cloud“, afferma Zeus Kerravala, analista e presidente di ZK Research. “Grazie all’adozione di software aperto, le imprese possono puntare all’innovazione di prodotto e gli utenti possono trarre vantaggio dall’allargamento delle risorse e dalla maggiore scalabilità della struttura“.

 

A seguito dell’accordo, Extreme Networks supporterà le roadmap di prodotto di entrambe le società e nel giro di due anni è prevista l’integrazione all’interno del sistema operativo ExtremeXOS delle funzionalità aggiuntive presenti nel sistema operativo Enterasys. Obiettivo è infatti quello di creare un solo sistema che offra funzionalità su entrambe le linee di prodotto e progettato per consentire agli utenti di scegliere in modo trasparente la migliore piattaforma per le proprie esigenze.

 

Proprio perché operano in due settori molto simili, si prevede che l’operazione porterà ad una crescita del fatturato della nuova azienda: aumenterà infatti la capacità di investire in ricerca e sviluppo così da accelerare l’innovazione e consentire di portare in modo più rapido tecnologie e prodotti sempre più competitivi sul mercato.

 

 

 

16/09/2013Permalink

How the Internet of Things Changes Everything

Currently in the business world we are witnessing something like the epic collision of two galaxies — a rapid convergence of two very unlike systems that will cause the elements of both to realign. It’s all thanks to the Internet of Things.

If you are not familiar with the term, the Internet of Things refers to a dramatic development in the internet’s function: the fact that, even more than among people, it now enables communication among physical objects. By 2015, according to my own firm’s projections, not only will 75 percent of the world’s population have access to the internet. So will some six billion devices. The fact that there will be a global system of interconnected computer networks, sensors, actuators, and devices all using the internet protocol holds so much potential to change our lives that it is often referred to as the internet’s next generation.

For managers, this development creates challenges both long-term and urgent. They need to envision the valuable new offerings that become possible when the physical world is merged with the virtual world and potentially every physical object can be both intelligent and networked. And, starting now, they must create the organizations and web-based business models that can turn these ideas into reality.

As consumers, we have all had a glimpse of how the relationship between buyer and seller changes when devices are connected to the internet. Nobody these days carries a Sony Walkman and cassettes; instead we carry Apple iPods — and our major access point for music has become the online iTunes Store, also by Apple. The company sells the devices and the music, profiting handsomely from both. In the same way, industrial product buyers are seeing their relationship to equipment manufacturers changed by smart, connected things. In the field of mechanical and plant engineering, consider the advent of predictive maintenance. When a machine is fitted with sensors, it can know what condition it is in and, whenever necessary, initiate its own maintenance.

Clearly, when things are networked, that has an impact on how actual value is produced. In many cases, it is no longer the industrially manufactured product that is the focus, but rather the web-based service that users access through that device. So, for example, we see the Daimler Group investing in mobility services such as car2go, myTaxi, and moovel; GE using what it prefers to call the “Industrial Internet” for mechanical and plant engineering services; LG paving the way to “smart homes” with IP-enabled televisions and home appliances and related services.

A study undertaken by researchers from the Institute of Technology Management at the University of St. Gallen in Switzerland (Service Business Development: Strategies for Value Creation in Manufacturing Firms) concludes that these services are most definitely lucrative for traditional manufacturers. Considering the example of a papermaking machine, they note that the sale of the machine itself generates a margin of around one to three percent, while selling a related service yields five to ten times as much. The ratio is much the same for the sale of rail cars versus related mobility and maintenance services.

For “Old Economy” companies, the mere prospect of remaking traditional products into smart and connected ones is daunting. (My own company, for example, the Bosch Group, produces over half a million things each day across more than 1,500 product categories.) But embedding them into a services-based business model is much more fundamentally challenging. The new models have major impacts on processes at the corporate center such as product management and production and sales planning. And given the dynamism of the net, the innovations will have to come more quickly. In short order at Bosch we have founded Bosch Software Innovations as a new software and systems unit; launched an electromobility service in Singapore; introduced cloud-based security products; an IP-enabled Bosch security camera , and provided customers with an iPhone app for remote access to heating systems. (We also demonstrated ideas about the near-future of networked living at the Consumer Electronics Show (CES) in Las Vegas.)

In many and diverse sectors of the global economy, new web-based business models being hatched for the Internet of Things are bringing together market players who previously had no business dealings with each other. Through partnerships and acquisitions, Old Economy and New Economy (software based) companies are combining complementary strengths so they can move quickly into vast spaces of “blue ocean.” In real time they are having to sort out how they will coordinate their business development efforts with customers and interfaces with other stakeholders.

What we have, then, is a competitive arena full of Old and New Economy companies, all jostling for position and attempting to shape the future. Long-standing producers in traditional industrial fields — whether they make coffee machines, cars, air conditioners, home gym equipment, or shoes — are suddenly not only competing with companies of their own breed; they are also confronting players the likes of which they have never faced before.

Most know that their strategy going forward will have to balance two imperatives. They have to protect the turf they already own — today’s product business — while pursuing growth through service offerings that leverage the fact that the product is in place to offer a richer overall value proposition to customers. (What no traditional manufacturer should conclude is that the Internet of Things is a threat that must be fought off in order to preserve the value of the manufactured product and safeguard the capital tied up in production facilities.) Given the reality of limited resources, this lands many traditional product companies at a crossroads. Every new investment they make can go either to strengthening their product-centric facilities, supply chains, human resources, and brands, or to stretching them into the new territory of higher-margin services. The wisest course, most find, is to make investments in both directions, looking to achieve that magic balance that maximizes margins.

As a result, not only in the marketplace but also within firms, completely contrasting business practices, corporate structures, and cultures are crashing into each other. And indeed, for the Internet of Things to fully emerge, they must collide.

As the New Economy and Old Economy galaxies clash, people tend to anticipate that one will destroy the other — and many would observe that the greater momentum is on the New Economy side. Certainly, many differences will need to be overcome before the Old Economy and the New Economy fit together. (Controlled systems on the one hand are opposed by open communities on the other. One keeps a vigilant eye on scant resources, whereas the other in essence gives its services away for free.) But most likely, the two galaxies will morph — as the Milky Way and Andromeda are expected to do: a new system with new dynamics will be created. In the dance around new centers of gravity, new solar systems of partnership will be formed. The question for you is: in this new cyber-physical galaxy, will your company become a new sun, a planet, a minor moon — or be reduced to stardust?

More blog posts by
80-stefan-ferber-1

Dr. Stefan Ferber is Director for Business Development of the Internet of Things & Services at Bosch Software Innovations GmbH in Germany, the software and system house of Robert Bosch GmbH.

14/09/2013Permalink

Domenica 16 giugno, rinnovabili al 100% e il prezzo dell’elettricità va a zero

Domenica 16 giugno 2013, tra le 14 e le 15, per la prima volta nella storia, il prezzo d’acquisto dell’energia elettrica (PUN) è sceso a zero su tutto il territorio nazionale (vedi sintesi GME). Ciò significa che in quelle due ore energia solare, eolico e idroelettrico hanno prodotto il 100% dell’elettricità italiana (vedi grafico sotto). Se l’evento, in una giornata completamente soleggiata e sufficientemente ventosa, poteva essere probabile nelle regioni meridionali, un po’ sorprende che sia accaduto anche per le aree del centro nord, dove comunque un ruolo determinante lo potrebbero aver giocato anche le buone riserve nei bacini idrici accumulatesi negli scorsi mesi (attendiamo dal GME la struttura dell’offerta della giornata e possibilmente di quelle ore in particolare).

Un fenomeno, quello del prezzo dell’elettricità all’ingrosso a zero, che finora si era verificato solo per alcuni prezzi zonali, ma mai per tutte le zone del paese, portando quindi il Prezzo Unico Nazionale, cioè il PUN, a zero. Un evento simile era stato sfiorato domenica 2 giugno 2013, allorché il prezzo medio minimo orario si attestò a 0,46 €/MWh, peraltro con una domanda inferiore a quella del 16 giugno.

Secondo i dati (a consuntivo) dei fabbisogni orari giornalieri pubblicati da Terna alle ore 14 del 16 giugno la richiesta è stata di 31.199 MW; alle 15 di 30.565 MW.

Un recente studio di Althesys dimostrava come il solo fotovoltaico già nel 2012 aveva spostato i valori delle medie orarie dei prezzi, tanto che oggi il picco di prezzo non coincide più con la massima domanda di elettricità. L’analisi considerava sia i minori prezzi nelle ore solari, stimati in 1.420 milioni di euro (erano 396 milioni del 2011) sia i maggiori prezzi nelle ore non solari, pari a 586 milioni: il peak shaving netto nel 2012 risultava così di 838 milioni di euro.

Un’ulteriore prova di come il crescente contributo delle rinnovabili stia tenendo bassi i prezzi dell’elettricità.

“La capacità di offerta delle rinnovabili in Italia sembra garantire ormai in termini di domanda istantanea una copertura del 100% di rinnovabili in quei momenti in cui il fabbisogno è basso come nelle domeniche primaverili ed estive”, commenta a QualEnergia.it Alessandro Marangoni di Althesys. “Comunque –chiarisce – l’evento istantaneo non può essere preso come riferimento per una gestione oculata del mercato elettrico, che ha bisogno, ora più di prima, di un nuovo market design alla luce di una struttura dell’offerta in profondo mutamento”. Il responsabile della società di consulenza energetica non si è sbilanciato sul risultato del peak shaving per il 2013, ma ci ha detto che, con l’attuale situazione dell’economia, non è affatto escluso che sia maggiore di quegli 838 milioni di euro del 2012.

Per Gianni Silvestrini, direttore scientifico di QualEnergia, “quanto accaduto domenica 16 giugno è un’ulteriore dimostrazione degli effetti della rapida penetrazione delle rinnovabile in Italia, che a maggio hanno addirittura coperto più del 50% della produzione di energia elettrica”. “Oltre a incidere sul risparmio netto in termini di prezzo dell’elettricità e alla riduzione delle emissioni – ha detto Silvestrini – la diffusione delle fonti rinnovabili comporta anche una diminuzione delle importazioni di combustibili fossili, riducendo l’elevato saldo negativo del bilancio energetico nazionale”.

Il Prezzo Unico Nazionale ricordiamo è il prezzo in acquisto dell’energia elettrica che si forma nel mercato elettrico italiano ed è il risultato di aste che coprono la richiesta di energia prevista ora per ora con l’elettricità offerta da vari operatori. Nelle aste si accetta (si dispaccia), prima l’offerta più economica e poi, via via, i “pacchetti” più cari, fino a coprire tutto il fabbisogno. Dato che a determinare il prezzo orario che si applica a tutti gli impianti è la fonte più cara selezionata, la cosiddetta “marginale”, immissioni di energia a basso prezzo, escludendo le fonti più care all’altro estremo, fanno abbassare notevolmente il costo di tutto il pacchetto di offerte.

Le rinnovabili non programmabili, come solare ed eolico, sono offerte a prezzo zero, così da non rischiare di non essere selezionate, ben sapendo da una parte di non avere costi di combustibile da coprire, e dall’altra che non saranno comunque remunerate zero, ma al prezzo determinato dalla fonte marginale. Il loro effetto è quindi quello di far scendere il prezzo dei gruppi di offerte orarie in cui entrano. Domenica, in quelle due ore che resteranno nella Storia del sistema energetico italiano, sul mercato c’erano solo loro: le energie pulite, ed ecco perchè il PUN è caduto a zero.

 

13/09/2013Permalink

Fotovoltaico senza incentivi……quattro conti per un’impresa

Produzione: 1.250 KWh/KWp.

Tipologia utente: impresa.

Consumo annuo: 60.000 KWh.

Percentuale di autoconsumo: 40% (per un’impresa che in genere consuma il giorno,  è davvero bassa, ma va bene così).

Potenza impianto: 60 KWp.

Costo impianto: € 85.500,00 + IVA (10%).

Installando l’impianto, si ha un vantaggio economico annuo pari alla somma dei seguenti fattori:

Contributo in Conto Scambio: € 5.000,00.

Liquidazione eccedenze: € 300,00.

Risparmio in bolletta: € 5.400,00.

Ammortamento (quota annua dedotta dall’imponibile pari al 9% della spesa): € 7.695,00.

Totale: € 18.395,00

In dieci anni ho un vantaggio economico di € 183.950,00.

Dall’undicesmo al ventesimo anno mi resta una quota residua dell’ammortamento pari a € 8.550,00 che andrò poi a sommare al resto.

Tolto l’ammortamento, senza considerare l’aumento del prezzo dell’energia elettrica, mi restano € 10.700,00, che in 10 anni fanno € 107.000,00.

Sommati agli 8.550,00 di prima ho un totale di € 115.550,00.

Sempre tralasciando l’aumento dell’energia elettrica, dal ventunesimo al venticinquesimo anno ho € 10.700,00 che per cinque anni fanno € 53.500,00.

In totale, ho un vantaggio di € 353.000,00 a fronte di un capitale investito di € 94.050,00 (senza considerare il vantaggio IVA).

Di  fronte a certe cifre il fotovoltaico  conviene ad un’impresa anche senza incentivi.

 

02/09/2013Permalink

Solar-Log™ riconferma il suo ruolo di leader del mercato mondiale

 GTM Research (Boston, Massachusetts, Stati Uniti) e SoliChamba Consulting (San Francisco, California, Stati Uniti) hanno condotto una recente indagine di mercato a livello globale dedicata al settore del monitoraggio degli impianti fotovoltaici.

Nell’ambito di questa indagine sono stati osservati 66 fornitori leader in questo settore. Grazie all’ampio vantaggio rappresentato dai 25.000 nuovi impianti fotovoltaici monitorati nel 2012, GTM ha proclamato Solar-Log™ lo specialista del settore del monitoraggio, confermandone la posizione di rilievo nel mercato mondiale.

 Su un totale di 66 aziende analizzate, sono stati osservati sia sistemi di monitoraggio indipendenti che dipendenti dal tipo di inverter. Tali aziende sono state esaminate attentamente e confrontate tra loro sia dal punto di vista tecnico sia economico. Solare Datensysteme GmbH (SDS), con il suo sistema di monitoraggio Solar-Log™, ha registrato un aumento, nel 2012, pari a 2,58 GW di potenza totale monitorata.

 

Nell’ambito dei nuovi impianti monitorati, SDS ha potuto registrare un aumento di 59.852 impianti solari pari a una quota di mercato del 18%. In termini di potenza totale e numero di impianti monitorati nel 2012, Solar-Log™ non ha avuto difficoltà a emergere tra i propri concorrenti. L’indagine ha fornito inoltre un’analisi dettagliata della struttura della concorrenza, per segmenti di mercato e paesi, nonché una previsione sullo sviluppo fino al 2017.

 

 

Visualizza il comunicato in lingua originale su solarpvdirectory.com:

 

http://www.solarpvdirectory.com/newsarticle/GTM-Research-confirms-Solar-Log-position-as-the-world-market-leader–624

 

Clicca qui per verificare la compatibilità del tuo inverter

 Invia la tua richiesta commerciale all’indirizzo duilio@dallosto.net

 

30/07/2013Permalink

Intanto facciamoci l’impianto fotovoltaico con la detrazione fiscale.

Fino al 31 dicembre 2013 c’è la possibilità per le persone fisiche di realizzare un impianto fotovoltaico con l’agevolazione fiscale del 50% in 10 anni. Un’opportunità che, se abbinata allo ‘scambio sul posto’, può consentire di ripagarsi l’impianto FV anche in meno di 10 anni. Chi può farlo e le procedure da attuare.

22/07/2013 Intanto facciamoci l'impianto fotovoltaico con la detrazione fiscale

Leggende metropolitane raccontano che con la fine degli incentivi GSE non valga più la pena farsi un impiantino fotovoltaico sul proprio tetto. Chi ha sparso questa notizia dovrebbe sapere che è infondata. Come però molti sanno, in attesa che si sblocchino ulteriori possibilità e si sciolgano alcuni nodi normativi per lo sviluppo degli impianti per utenze aziendali (es. SEU o RIU, utilizzo di certificati bianchi, ecc.), per il fotovoltaico resta aperta la possibilità di realizzare impianti residenziali detraendo dalle tasse il 50% dei costi di realizzazione. Pensiamo a piccoli impianti fotovoltaici intorno ai 3-6 kWp, ma anche di più grossa taglia che beneficiano del regime di detrazioni previsto per tutti i “lavori di ristrutturazione e recupero edilizio” (un tempo del 36%, e che a questa aliquota torneranno, se non vi saranno modifiche legislative, dal 1° gennaio 2014).

I soggetti Irpef (persone fisiche) possono, dunque, utilizzare la detrazione fiscale anche per quegli impianti realizzati dal 26 giugno 2012 (se questi non hanno avuto accesso al conto energia) e per tutto il 2013. Ricordiamo che per gli immobili a prevalente uso abitativo va applicata al costo degli impianti l’Iva al 10% anziché del 21%.

Nei prossimi giorni, su questa pagina, troverete alcune analisi di tecnici del settore che valutano la convenienza di questa modalità di agevolazione abbinata allo “scambio sul posto”, considerando diversi parametri: taglie, differenti localizzazione, livelli di autoconsumo, finanziamento, ecc.

Possiamo anticipare che, al costo attuale di circa 6000-6.500 € al netto di Iva, un impianto da 3 kWp ha tempi di ritorno possono oscillare tra 8 e 11 anni, un periodo non così diverso se equiparato al beneficio dell’incentivo dell’ultimo conto energia, peraltro con il vantaggio di un iter burocratico meno pesante.

Il costo massimo che si può detrarre, in 10 anni, sarebbe pari a 96.000 euro, una cifra che renderebbe possibile, con i prezzi attuali, la detrazione fiscale anche per impianti con potenze fino a 50 kWp. In realtà la potenza FV massima per beneficiare della detrazione del 50% è di 20 kWp. L’Agenzia delle Entrate (risoluzione n. 22 del 2 aprile) ha specificato infatti che l’impianto fotovoltaico deve essere direttamente al servizio dell’abitazione del contribuente, e utilizzato, quindi, per fini domestici come ad esempio quelli di illuminazione o alimentazione di apparecchi elettrici. Così scrive l’Agenzia: “La possibilità di fruire della detrazione in esame è comunque esclusa quando la cessione dell’energia prodotta in eccesso configuri esercizio di attività commerciale, come nel caso, ad esempio, in cui l’impianto abbia potenza superiore a 20 kW ovvero, pur avendo potenza non superiore a 20 kW, non sia posto a servizio dell’abitazione (cfr. ris. n. 84/E del 2012, ris. n. 13/E del 2009, cir. n. 46/E del 2007)”.

Chi può richiedere la detrazione? Oltre ai proprietari degli immobili sui quali vengono realizzati gli impianti, anche gli inquilini o i comodatari. In particolare posso usufruirne:

  • il proprietario o il nudo proprietario
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • l’inquilino o il comodatario
  • i soci di cooperative divise e indivise
  • i soci delle società semplici
  • gli imprenditori individuali, ma solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

Ecco la procedura per richiedere la detrazione fiscale:

  • inviare all’Asl, quando previsto dalla normativa, l’apposito comunicazione inizio lavori;
  • pagare i lavori tramite bonifico bancario o postale in cui devono figurare: la causale specifica del pagamento, i dati del pagante e del ricevente (C.F o P.IVA);
  • indicare nella dichiarazione dei redditi, tra tutti quelli richiesti, i dati catastali dell’immobile su cui viene realizzato l’impianto fotovoltaico e altra documentazione indicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

La richiesta di detrazione fa riferimento alla data in cui sono state effettuate le spese e, per usufruire del 50% di bonus, queste vanno pagate entro il 31 dicembre 2013. Dunque non è necessaria la connessione alla rete entro il 31 dicembre 2013.

Ovviamente gli impianti fotovoltaici connessi alla rete, oltre all’iter autorizzativo indicato dal Comune, devono seguire una procedura che consiste inizialmente in una domanda (online) di preventivo al distributore di zona, un iter seguito nella quasi totalità dei casi dall’azienda installatrice.

Nell’esempio classico di un impianto FV domestico da 3 kWp (per una produzione annuale di circa 3.900 kWh in Italia centrale) con un costo, poniamo, di 6.500 € (+10% Iva), si possono recuperare con la detrazione circa 358 € all’anno per 10 anni.

Per importi più significativi va sempre ricordato che per utilizzare le detrazioni fiscali è necessario avere un reddito sufficiente a coprire tali detrazioni. Infatti, se in un anno si dovranno pagare 1.000 euro di Irpef, ma si avrebbe il diritto di detrarre 1.300 euro, la differenza di 300 euro non può essere messa a credito, perdendo per questa differenza il beneficio della detrazione.

Al vantaggio economico della detrazione va aggiunto poi quello relativo allo “scambio sul posto”. Questa modalità permette di considerare la produzione del proprio impianto, a qualunque ora e giorno dell’anno, come un “valore-salvadanaio” che va a compensare (se l’impianto FV con scambio sul posto è realizzato coerentemente con i consumi dell’abitazione) quanto si preleva normalmente dalla rete, andando ad abbattere i consumi energetici annuali e, dunque, i costi in bolletta. Poi, e questo è il tema caldo del momento, bisognerà pensare a nuovi strumenti, accumuli o inverter speciali, in grado di aumentare l’autoconsumo (anche successivamente, dunque in retrofit), e quindi il beneficio economico dato dall’impianto, non facendo cioè passare l’energia elettrica, generata dall’impianto, nella rete.

(articolo a cura di Leonardo Berlen di QualEnergia.it)

23/07/2013Permalink

Partnership Solare Datensysteme GmbH with Mitsubishi Electric Corporation

11. luglio 2013

Strategic partnership: Solare Datensysteme GmbH with Mitsubishi Electric Corporation

Solar-Log 1200

Geislingen (Germany), 17 June 2013 – The consumption of self-produced power is becoming more and more important. To utilize self-produced power even more effectively in the future, the specialist for monitoring and managing of PV plants, Solare Datensysteme, has entered into a strategic partnership with the global producer of air conditioning systems and heat pumps, Mitsubishi Electric. The Goal of this strategic partnership: In the future, air conditioners will be automatically powered by PV electricity. This is accomplished by having the Solar-Log™ data logger directly control the air conditioning systems.

Mitsubishi Electric and Solare Datensysteme have agreed to offer a communication interface between the Solar-Log™ and Mitsubishi Electric air conditioners.

The first step of the partnership is to implement a connection from the Solar-Log™ to the Mitsubishi Electric Interface MAC-397, which is used in various Mitsubishi Electric air conditioners. The necessary switching command will be transmitted between the Solar-Log™ and the Mitsubishi Electric communication board. The central control element (Solar-Log™) can then activate the air conditioner when there is a surplus of power from the PV plant.

The second step will be to allow the end customers to adjust the air conditioner’s temperature settings via the internal Solar-Log™ web interface. Due to the flexibility of the system, the Solar-Log™ will also be able to control even more of Mitsubishi Electric air conditioners and heating devices.
This step not only improves the earning power of PV plants by increasing the self-consumption rate, but also makes PV energy even more attractive.

15/07/2013Permalink

Il rendimento tipico in Italia: da 1000 a 1500 kWh/kW picco

Gli impianti fotovoltaici sono generalmente classificati in base alla loro potenza massima teorica espressa in kilowatt picco (kWp), per cui si può decidere di installare un impianto da 3 kWp, da 5 kWp, da 10 kWp eccetera, ma al di là della potenza teorica in kWp (il cui significato è approfondito qui: cos’è un kW picco), chi acquista un impianto fotovoltaico è generalmente interessato piuttosto a sapere quanta energia elettrica può produrre in concreto il suo impianto, in termini di kilowattora all’anno.

In altre parole: quanti kilowattora di energia elettrica può produrre in un anno un impianto fotovoltaico, per ognuno dei suoi kW picco di potenza?

La risposta a questa domanda dipende da diversi fattori, uno dei più importanti è sicuramente la posizione geografica dell’installazione, dato che un impianto fotovoltaico installato in Lombardia sarà generalmente meno produttivo di un impianto di pari potenza collocato in Sicilia o in una regione del Sud.

Per avere subito un ordine di grandezza, diciamo che in Italia la produzione di energia fotovoltaica per kW picco di potenza può variare da un minimo di 900-1000 kWh a un massimo 1500 kWh all’anno, il che significa per esempio che un impianto di 3 kWp di potenza collocato in Italia produce generalmente più di 3.000 kWh e meno di 4.500 kWh all’anno.

Per farsi un’idea di come questi kWh prodotti possano coprire i consumi annui di un nucleo famigliare è possibile confrontarli per esempio con i consumi tipici indicati dall’ICE (Indice dei consumi elettrici) che trovate qui: lCE: Indice dei Consumi Elettrici, ricordando però che si tratta di dati teorici e che gli unici dati veramente attendibili sui vostri consumi li trovate nelle vostre bollette dell’Enel.

Il rendimento in kWh/kWp da regione a regione

Per quanto riguarda le oscillazioni di rendimento da regione a regione, un impianto fotovoltaico nella pianura Padana può produrre ad esempio intorno ai 1.100-1.200 kWh all’anno per ogni kWp di potenza, mentre nell’Italia del Sud può arrivare ai 1.300 o 1.400 kWh/kWp all’anno e in Sicilia e Sardegna fino a 1500 kWh/kWp all’anno.

Il che significa che un impianto fotovoltaico da 3 kW picco può produrre mediamente 3.500 kWh all’anno nella pianura Padana, sui 4.000 kWh/anno nelle regioni meridionali e fino a 4.500 kWh/anno nelle isole maggiori.

Le latitudini meridionali sono ovviamente avvantaggiate sotto questo profilo, anche se c’è un rovescio della medaglia dato dal maggiore utilizzo dei condizionatori d’aria, apparecchi avidi di energia elettrica che consumano buona parte della maggiore produzione.

La mappa dell’insolazione Globale

Mappa dell'insolazione globale: ItaliaI dati indicati, che vanno comunque integrati con le caratteristiche specifiche di ogni singolo impianto, sono forniti dalla Mappa dell’irradiazione solare pubblicata dal Photovoltaic Geographical Information System (PVGIS), che fornisce informazioni sulle caratteristiche di insolazione e quindi sulla diversa produttività di impianti fotovoltaici collocati nelle varie località geografiche italiane (le sfumature di colore più scuro e marrone rappresentano un maggiore rendimento).

Come specificato sulla stessa mappa, che può essere ingrandita cliccandoci sopra, i dati si riferiscono al rendimento di moduli solari orientati con un’inclinazione ottimale rispetto ai raggi del sole (e privi di ombre o altri elementi di disturbo, aggiungiamo noi), condizioni che non è sempre possibile realizzare in pratica, per cui il calcolo della produzione effettiva di un impianto dovrà tenere conto di eventuali fattori capaci di ridurre il rendimento dei moduli, che possono essere valutati solo con il sopralluogo di un tecnico, necessario in ogni caso per valutare con precisione quale potrà essere in concreto la produzione annua di una certa installazione.

05/07/2013Permalink

Una start up della Internet of Things: tra crowdsourcing ed e-commerce, Stanford inventa il futuro

Alcuni studenti dell’Università di Stanford hanno fondato una start up della Internet of Things: si chiamerà Techmakers (il nome è provvisorio) ed è un progetto che unisce in modo originale e innovativo due fenomeni contemporanei: crowdsourcing ed e-commerce.

In pratica un sito in cui tutti gli sviluppatori o gli ideatori di soluzioni per la IoT possono proporre e vedere le loro idee.

Non le singole componenti Rfid, sensori &Co, ma proprio tanti nuovi concept di utilizzo! start-up della internet of things

Perché una start up della Internet of Things? I numeri del business plan ci sono tutti: secondo gli ultimi dati da qui ai prossimi dieci anni ci saranno 50 miliardi di dispositivi connessi (Fonte McKinsey).

Cisco, che la chiama già Internet of Everything, pronostica fatturati da 14.4 trilioni di dollari nell’arco di questo tempo con profitti in crescita del 21% da qui al 2022 (lo ha detto in occasione del suo Internet of Things World Forum).

Le smart city continuano a moltiplicarsi nel mondo. La gente si sta abituando a interagire con tanti dispositivi diversi per chiedere informazioni o fare cose.

Tutto conferma che ci sarà un aumento esponenziale delle opportunità di fare impresa in questo ambito.

Techmakers: geek che diventano business men

Così, a Standford, alcuni universitari si sono guardati negli occhi e hanno pensato di mettere a frutto quello che stavano studiando al corso di Technology Entrepreneurshi (quello dove si imparano i fondamenti dell’imprenditorialità tecnologica della Silicon Valley).

Immaginare una start up della Internet of Thing? Perché no, si sono detti radunandosi in gruppo e mettendo a fattor comune le loro idee.

La varietà aiuta: il pool (proveniente da Canada, Usa, Francia, Russia, Grecia e India) ha iniziato nel modo giusto.

Per avviare una start up della internet of Things ha prima sondato le potenzialità commerciali, poi ha definito il modo per ottimizzare le risorse in campo.

Secondo le linee guida della Stanford University Venture Lab Startup. Scambiarsi invenzioni tecnologiche (e non solo) L’equazione?

Oggi ci sono moltissime persone disposte a vendere in Rete un proprio progetto:

Etsy conta ormai 1 milione di venditori artigianali, Kickstarter ben 42mila progetti.

Ma, a parte il mondo che ruota attorno ad Arduino, per le invenzioni tecnologiche non ci sono siti specifici dove candidare progetti ad alto contenuto high-tech.

28/06/2013Permalink

Pronti per il futuro con Solar-Log™

Più funzioni, più affidabilità, più colore:

i nuovi modelli Solar-Log™

La gamma attuale dei prodotti, che comprende Solar-Log 200, 500 e 1000 verrà ampliata grazie al lancio dei nuovi modelli Solar-Log 300, 1200 e 2000. Ciascuno di questi modelli offre una serie di funzioni che consente un monitoraggio di impianti solari più efficiente.

Oltre a incorporare le funzionalità già collaudate dei modelli attuali, la nuova serie di prodotti è stata completata e ottimizzata attraverso l’introduzione di importanti integrazioni. Ad esempio, tutti i nuovi modelli dispongono di un moderno display LCD, che consente all’installatore di visualizzare lo stato attuale sia durante la fase di installazione che durante il normale funzionamento. Inoltre i modelli Solar-Log 1200 e 2000 dispongono di uno schermo TFT touchscreen a colori aggiuntivo. La tecnologia touchscreen, oltre a rappresentare uno degli strumenti più intuitivi, fornisce tutte le informazioni più importanti relative al rendimento dell’impianto. Un’ulteriore novità è rappresentata dalla connessione USB di serie, che consente il backup automatico dei dati e semplifica gli aggiornamenti periodici del firmware, esteso e migliorato regolarmente. Per offrire una maggiore flessibilità nella pianificazione dell’impianto, la serie Solar-Log™ utilizzata non è più scaglionata in base alla quantità di inverter, ma in base alla potenza in kWp dell’impianto. …

Download COMUNICATO STAMPA

Un utilizzo più efficiente dell’energia autoprodotta

Solar-Log™ Smart Timing

Il futuro dell’energia solare risiede nell’utilizzo domestico o aziendale dell’energia fotovoltaica autogenerata. Oggi è già possibile utilizzare l’energia in modo più efficiente, ma è necessario adottare tecnologie di gestione e di monitoraggio come quelle offerte da Solar-Log™. La nuova serie consente una visualizzazione chiara del consumo energetico e un funzionamento ottimizzato per la gestione di apparecchiature quali pompe di calore, climatizzatori o accumulatori elettrici.

L’onnipotenza per piccoli impianti

Solar-Log 300

Solar-Log 300 può essere impiegato in impianti di dimensioni fino a 15 kWp, indipendentemente dalla quantità di inverter. Il nuovo modello può quindi monitorare senza difficoltà piccoli impianti con due o tre inverter di un’unica marca. Naturalmente anche questo modello, come tutti i modelli nuovi, è stato concepito con una particolare attenzione alla gestione smart grid. Per i piccoli impianti, la regolazione intelligente al 70% è già un dato interessante, e grazie al relativo supporto, la quota di energia autoprodotta può essere aumentata ulteriormente. Solar-Log 300 può essere dotato della nota funzione di Power Management (PM+) opzionale, per il collegamento di un ricevitore di telecomando centralizzato, o come Solar-Log 300 Meter.

Il sistema di monitoraggio perfetto per impianti di piccole e medie dimensioni

Solar-Log 1200

Solar-Log 1200, progettato per impianti fino a 100 kWp, dispone di due display: un touchscreen TFT a colori di grandi dimensioni e un piccolo display LCD per i messaggi di stato. Il display a colori fornisce al gestore dell’impianto, direttamente e senza la necessità di un PC, tutte le informazioni sul rendimento dell’impianto, sul consumo energetico e sulla quota di energia autoprodotta. Inoltre, il display offre un’elevata risoluzione e un angolo di visuale ottimizzato, in modo da risultare leggibile senza sforzo anche in caso di montaggio a parete. Grazie al relè integrato di serie, apparecchi quali pompe di calore e climatizzatori, che aumentano l’autoconsumo di energia, possono essere gestiti senza problemi.

Il top della serie per impianti di grandi dimensioni e centrali solari

Solar-Log 2000

Solar-Log 2000 è ideale per il monitoraggio e la gestione di impianti di grandi dimensioni e centrali solari. Il nuovo modello di punta dalle straordinarie prestazioni può monitorare un impianto di dimensioni fino a 2.000 kWp e un massimo di 100 inverter. Grazie alla tecnologia master-slave, è possibile accoppiare fino a 10 Solar-Log 2000 per un unico impianto, aumentando così notevolmente la capacità di monitoraggio di impianti di dimensioni maggiori. Tutte le funzioni della gestione smart grid ampliata, che in Germania è richiesta per impianti a partire da 100 kWp, quali PM+, collegamento ai dispositivi di telecontrollo e Utility Meter, sono ovviamente disponibili nel Solar-Log 2000.
Un’interfaccia aggiuntiva RS485/422, con la quale sono in tutto tre,
conferisce a Solar-Log 2000 un’ampia flessibilità di connessione. Ciò significa che è possibile collegare senza difficoltà inverter di massimo tre marche differenti, String Combiner Box e contatori di corrente o sensori.
Il modello di punta offre tutte le innovazioni dei modelli più piccoli, come il display TFT touchscreen a colori, il display di stato LCD e i collegamenti aggiuntivi tramite bus CAN e contatto di allarme.

L’impianto sempre sotto controllo

Solar-Log™ Android APP

Con la nuova Solar-Log™ APP per smartphone con sistema operativo Android, Solare Datensystem GmbH completa la serie di prodotti ideata per il monitoraggio in mobilità degli impianti fotovoltaici. L’applicazione permette di visualizzare i dati di rendimento e consumo di un impianto fotovoltaico e li rappresenta graficamente sul dispositivo Android. I dati aggiornati, momentanei e storici, possono essere visualizzati in forma di sintesi giornaliera, mensile, annuale e storica. Inoltre è possibile visualizzare sia il risparmio di CO2 che il consumo e l’autoconsumo energetico. L’utilizzo intuitivo in modalità “Swipes” consente una rapida navigazione tra i singoli periodi.

Solar-Log™ WEB “Commercial Edition”

Dall’ultima versione della “Commercial Edition”, rielaborata e presentata in occasione di Intersolar 2012, il portale di monitoraggio basato su web e dedicato a fornitori di servizi e installatori è stato ampliato con una serie di nuove funzioni. Ad esempio, per la gestione smart grid, la nuova funzione Powermanagement Report con calcolo delle perdite di produzione offre un importante supporto all’amministrazione dell’impianto.  Nell’ambito dell’energia impiegata per il fabbisogno interno, la funzione Report comprende altre funzioni simili riguardanti l’autoconsumo di energia e la quota di consumo. A questo proposito, anche la visualizzazione del bilancio e della quota di energia autoprodotta è stata implementata e resa disponibile in formato mensile e annuale.

Mostra il rendimento dell’impianto fotovoltaico

Solar-Log™ Dashboard

Concepito appositamente per l’impiego con Solar-Log™ WEB “Commercial Edition”, il nuovo Dashboard Solar-Log™ offre una raffigurazione rappresentativa di tutte le informazioni importanti relative all’impianto fotovoltaico, come la produzione, il risparmio di CO2 e il rendimento degli impianti. Il nuovo Dashboard può essere impiegato in scuole o nelle sale di ricevimento di edifici aziendali e hotel, ma si rivela molto utile e offre una comoda panoramica anche in contesti privati.

19/06/2013Permalink